Switch_SuperSmashBrosUltimate

Originariamente il peso totale di Super Smash Bros. Ultimate era di oltre 60GB

Super Smash Bros. Ultimate è un titolo veramente gigantesco, probabilmente tra i più vasti mai realizzati nella storia dei videogiochi, eppure Nintendo e Bandai Namco sono riusciti a far stare tutto nel peso complessivo di “soli” 15GB.

Da sempre sappiamo quanto Nintendo sia regina nella compressione e l’ottimizzazione dei propri titoli, ma adesso Bandai Namco ha rilasciato un interessante retroscena riguardo lo sviluppo del gioco. In un’intervista con Famitsu, la casa di sviluppo che ha lavorato a Super Smash Bros. Ultimate ha parlato di quella che secondo loro è stata una delle più grandi sfide durante la realizzazione del titolo, ovvero la compressione dei files.

Smash-Bros-Ultimate-arrossire-15

In corso d’opera, Super Smash Bros. Ultimate aveva raggiunto un peso complessivo di oltre 60GB, decisamente troppi per essere poi messi in una cartuccia per Nintendo Switch. Per mantenere quindi il peso più abbordabile, Bandai Namco ha utilizzato molte tecniche di compressione avanzate, come ad esempio il formato “opus” per le musiche e lo “ZStandard” per gli altri files.

Come seconda cosa, gli sviluppatori hanno cercato di rimuovere tutti i files doppi. Ad esempio nel gioco sono presenti molti modelli differenti di Mario e ognuno ha un cappello diverso. Per risparmiare spazio, quindi, Bandai Namco ha creato un modello base del cappello, dopodiché questo è stato usato come punto di partenza per tutti gli altri, così da non dover ogni volta ricreare dei duplicati degli elementi comuni.

Grazie a questo grande lavoro, il peso finale del gioco è stato ridotto circa del 75%, un’impresa davvero incredibile che sicuramente rischia di passare inosservata se non si portano alla luce certi retroscena!